Powered by Blogger.

Mooh Run, il racconto

Sono settimane che aspettavo questo giorno, settimane che mi preparavo psicologicamente (e anche un po' fisicamente) a questo evento che si è tenuto proprio oggi a Treviso.
Si può dire che oggi ho partecipato alla mia prima vera run con tanto di pettorale nominativo: la MOOH RUN.

Pensavate forse avrei fatto qualcosa di serio? Pensavate che mi sarei sparata subito una maratona? Ma figuriamoci. Ero alla ricerca di un'ispirazione, di una scintilla interiore che mi spingesse a fare qualcosa di "vero",oltre alla marcia paesana, e quando è arrivato il gruppo de La Butto in Vacca Running Friends mi sono gettata a capofitto senza pensarci due minuti.
Mi chiamo pur sempre GHIOTTONA!
Ho documentato questa splendida giornata con un sacco di foto, ma iniziamo dal principio.
E' iniziato tutto dalla scoperta di questa gara da mio cognato, il caso poi ha voluto che avessi un'amica che è a dir poco ossessionata dalle mucche, mi sono documentata un po' su internet e dalla sola pagina Facebook ho capito di trovarmi davanti a persone che amano lo sport ma allo stesso tempo diciamo la buttano un po' in vacca e ho pensato subito, BASTA LA FACCIO SUBITO.
I fondatori di questo gruppo sono riusciti a trasmettermi una carica positiva addosso senza paragoni, e non lo hanno fatto solo con me, ma con la bellezza delle quasi 2.000 persone che oggi hanno partecipato a questo evento.


La mattina è iniziata con la mia amica Serena ed io al bar a fare colazione con cappuccio e brioches, per partire subito alla grandissima...pensavamo di essere le sole, invece molti altri si sono fatti prendere dalla filosofia del buttarla in vacca da subito sparandosi anche krapfen con la crema. Il bello di questa gara è che eravamo tutti vestiti alla stessa maniera...o quasi come potrete vedere dalle foto.
Siamo partiti alle 9:15 e io ho iniziato a vedere la gente CORRERE...ma come? Non la dovevamo buttare in vacca? Che è sta storia?



Sia come sia adulti, ragazzi, bambini oggi avevano un unico obiettivo, quello di divertirci e trasformare un evento sportivo in un momento di coesione e di divertimento assoluto tra tutti. Non ho mai visto nessuno serio, tutti col sorriso sulle labbra...non vi dico quando poi abbiamo trovato il ristoro! 
La terra promessa quasi!
I fondatori della Mooh run a incitarci a scherzare con tutti, vestiti poi nei modi più assurdi, trombe, campanacci, code, orecchie muccate,corna...uno spettacolo in bianco e nero.



L'unica nota leggermente dolente devo darla quando siamo giunte all'arrivo...non lo so se eravamo tra gli ultimi (eppure mi pareva di no dai, avevo un'andatura veloce!), so che hanno iniziato a urlare che dovevamo spostarci perché erano in arrivo i primi dalla Treviso marathon con le bici "E SPOSTATEVI! MA NON VEDETE CHE STIAMO RIPRENDENDO? ABBIAMO LE VIDEOCAMERE QUA!LEVATEVI!" ...ammetto che quindi ci siamo un attimino sentite fuori posto ad arrivare al traguardo, nonostante i nostri 8km e mezzo. Ma so bene che questa non è colpa dei mitici della Mooh run, ma degli organizzatori troppo seriosi della maratona che avrebbero dovuto invece buttarsela un pochino in vacca pure loro! Se dovessero esserci dei video dove ci sono due cretine ferme che discutono coi cameraman e i fotografi, tranquilli siamo noi! 
MAKE US FAMOUS!
Concludo con i ringraziamenti, manco fosse un papiro universitario, ma ci tengo veramente perché è stata un'esperienza così bella e positiva che già non vedo l'ora di ripeterla l'anno prossimo, perché CI DOVRà ASSOLUTAMENTE ESSERE! 
Grazie a: la mia compagna di avventure Serena, a mio cognato per avermene parlato, al Perfido perché sempre e comunque mi trascina nel mondo del running, alla Zitella per aver sempre parlato bene della corsa e avermi un pochino ispirata, ai ragazzi muccati che oggi ho fotografato e un grazie davvero a La Butto in vacca Runner friends per aver reso questa giornata un momento di svago, di donazione e anche di riflessione sul fatto che correre è faticoso ma lo è molto meno se lo si fa insieme e sempre col sorriso. 

Qua sotto ci sono i link relativi ai La Butto in vacca Runner friends:

1 commenti:

  1. Che bello leggere a distanza di due mesi questo racconto. Grazie Ghiottona!
    Nicola
    La butto in vacca

    RispondiElimina