Powered by Blogger.

Il lavoro ideale part 2: tipologie di clientela

Ogni tanto me lo chiedo se questo sia il lavoro giusto per me, perché,  per quanto abbia desiderato a lungo lavorare nelle telefonia, non passa giorno che io non tiri quattro madonne al cielo.

La voglia di esplodere da un momento all'altro con un cliente ingestibile e di dirgli "ma se ne vada affanculo" è appena un gradino sotto al mio self control e al pensiero che 5 minuti dopo che questo sarà uscito io mi farò quattro risate su di lui.
Io trascorro ogni giorno a chiedermi:e oggi? Quali casi umani hai riservato per me Dio?


Non è facile...a volte sono esausta...non vi dico quando sono in pieno preciclo che voglia di sterminio mi prende, una volta soffrivo di leggeri mal di testa e un accenno di nervosismo, ora ho voglia solo di prendere taniche di benzina e accendere un fiammifero.

È giusto che lo sappiate, voi che volete intraprendere questo lavoro nel magico mondo dei telefoni cosa vi aspetta, e a voi che passate di qua a godervi solo la lettura di queste quattro cazzate che scrivo, vi invito a verificare e, in caso, rimodulare il vostro atteggiamento davanti a ME, CHE LAVORO QUA E NON C'ENTRO UN CAZZO.

Quando entrate in un negozio della Vodafone, Tre, Tim o Wind dovete solo e soltanto fare una cosa: avere pazienza. La gente ha sempre 200 mila domande inutili da fare, fa crescere la coda dietro e quando arriva il vostro turno siete già nervosi con noi...che non c'entriamo nulla. Se abbiamo davanti degli idioti che non capiscono e dobbiamo ripetere il concetto 15 volte NON è COLPA NOSTRA. 
I clienti con i quali abbiamo a che fare sono raggruppabili in alcune categorie:

GLI STRANIERI: mettiamo da parte il dramma principale quando hai davanti uno straniero, e cioè, LA LINGUA. Molti vivono qua da anni e riesci ad esprimerti bene, ma sono sempre scontenti... sono quasi sempre dell'est Europa o dell'Africa. Loro appena leggono 10euro sotto un telefono tirano già fuori il portafoglio...sognano di poter prendere un iPhone con tutto incluso, aggratis, con chiamate, messaggi, internet, me che gli faccio una lapdance e gli porto un havana cola. Appena comprendono che non è così se ne vanno, senza manco dirti "ok grazie ci pensiamo ciao"...nada.
Spezzo una lancia a favore di un sik che quando mi ha visto col sangue di naso è corso al bar ed è tornato con un sacchetto pieno di ghiaccio. Piccolo sultano di Agrabah tvb.
I SO-TUTTO-IO: Entrano già incazzati, già insoddisfatti delle tariffe che si sono studiati per una notte intera sul sito ufficiale. Vengono per avere conferma di quello che hanno letto, contestano quello che gli dici perchè "NEL SITO C'ERA SCRITTO DIVERSO" e non ti credono neanche a morire che magari tu sei dall'altra parte del bancone e può essere che ne sai più di loro...

I NONNI: raga io qua mi arrendo. I nonni non li so gestire...ci sto provando in tutti i modi ma mi destabilizzano...perchè ok il nonno 80enne che poverino ha un nokia 3310 scotchettato un po' ovunque, ma quelli che vogliono il cellulare di ultima generazione? Quelli che hanno un piede nella fossa ma l'ipad prima di morire lo vogliono prendere? Per un attimo sei felice perchè sganciano gli ultimi soldi da sotto il materasso, ma poi te li ritrovi qua tutti i giorni.
T u t t i – i - g i o r n i. 
"ma Internè non va" ...ha provato ad attivare il traffico dati? "nooo, quando sono venuto qua non c'era tanta gente per strada"
"ma le virgole nei messaggi come si mettono?" ...ha provato ad andare nella seconda videata coi simboli? "videata??"
"non va il volume quando chiamo!!" e hanno attivato l'opzione mute. 
e poi l'apoteosi: "Voi qua fate anche ricariche di altri gestori?" No, COME VEDE DALL'INSEGNA LUMINOSA ALLE MIE SPALLE siamo un monomarca...
"e quindi io ora dove vado?"così. tutti. i. giorni.
QUELLI CHE NON CE LA FANNO: loro sono i più tenerelli, grazie a loro la maggior parte delle volte mi vedete twittare su ciò che mi chiedono...sempre grassissime risate dopo, ma due fegati grossi così prima.
Hanno prodotti di fascia medio-alta che non sanno usare, e ostentano questa loro ignoranza con sarcarsmo e orgoglio, e mi ritrovo puntualmente a fare questa domana:
MA HAI PROVATO A SPEGNERLO E RIACCENDERLO?
"ah no...mai fatto da quando l'ho preso un anno e mezzo fa...dici che cambia?"
e puntuale, PUNTUALE, quando glieli spegni e riaccendi, i cellulari funzionano. 
Perchè il problema non è la tecnologia che avanza, ma questi che non ce la fanno. 

1 commenti: