Powered by Blogger.

FAT VS CURVY facciamo chiarezza.

È ora di fare un po' di chiarezza...che mi sono proprio stancata.
Quando ho aperto questo blog, un anno e mezzo fa, mi sono presentata come una ragazza in sovrappeso(=grassa), poi mi si è aperto il mondo che ruota attorno a noi "in carne" e ho scoperto che l'ultimo trend è chiamarCI CURVY.



È sicuramente più bello dire e sentirsi dire "non sei grassa sei curvy"...curvy non ti fa pensare al grasso, alla ciccia, ai rotoli sulla pancia, al culone...
CURVY ti fa pensare alle curve ovviamente...alle tettone, ai fianchi appena appena più larghi e alla taglia 44 al massimo.


Adesso è così trés chic parlare di curvy...anche sui siti online, tipo Asos, non si parla di taglie forti, ma di Curve (taglie morbide).



Ora...chessò ste cosce magre e asciutte? Ci prendiamo per il culo? SI. Me ne fotto se le taglie poi arrivano fino alla 56, perchè usate solo modelle taglia 44-46?! Dove le curve si trovano al posto giusto...sulle tette e sul sedere?

Anche Vogue Curvy mi sta facendo incazzare alquanto, non potete mettere nella stessa categoria articoli su Kim Kardashian e Queen Latifah parlando di curve...siamo sincere...Queen è grassa, Kim è curve.



Adele...che io venero da sempre, non è curve poraccia, è FAT.
La Scarlett non ha un culo raggrinzito...è rotondo, ma non fat, quindi curvy.



La Amber Riley di Glee per esempio, non mi può parlare di curvy, ciccia mia...sei fat...TANTO...e avere gonne a tubino di ogni colore potrà anche piacerti, ma non ti valorizza...e quando ti siedi? STRAAAAAAP


Ma diamo anche a Cesare quel che è di Cesare...la Amber ce la menerà a tutti che si piace così com'è, ma sotto sotto è una Figa Domani pure lei, e per questo ha la mia stima...


E tu, figa di Hunger Games...non sei OBESA per Hollywood...sarai si e no una curvy...SMETTETELA DI DIRE CAZZATE.


È come se mettessimo allo stesso livello quelle in sovrappeso, con ragazze patologicamente obese.
L'obesità È una malattia, il sovrappeso è un campanello d'allarme.
Una 46 la possiamo anche trovare da Benetton, una 48...NON PERVENUTA.
Prima riusciamo a capire in quale categoria ci troviamo prima capiremo come comportarci, se trovare una soluzione immediata o accettarsi così come si è perchè più di quello non possiamo fare...
Io in primis gente NON SONO CURVY, sono FAT.
FAT RUBINA...FAT...so che quando sarò dimagrita, non sarò mai una taglia 40...ma forse una 42, o una 44...ma sono consapevole di quello che sono!
Non nascondetevi dietro al dito del "eh ma ormai, io sono così di costituzione", non lo saprete mai davvero se non muovete il culo tutti i giorni, evitando di mangiare lammerda.
Se invece siete curvy ma siete comunque insoddisfatte, non ossessionatevi con la dieta, mangiate bene, fate movimento e stop.
Magari non sarete mai una taglia 40, ma arriverete ai 40 SANE e fighe.

21 commenti:

  1. love you......fat-cri -.-"

    RispondiElimina
  2. Ahahah quante verità cara!
    Io ero FAT senza ritegno.
    Ora sono in un limbo strano perche dall'ombelico in su sono magra (più di quanto mi interessasse), ma da lì in giù sono ancora un mix tra curvy e fat.
    Anche a me fanno incazzare quando indicano nelle taglie "forti" strafighe solo appena curvy come Scarlett.
    Non sanno di cosa parlano.

    Bello queso sfondo.

    Fighedomani, figheoggi. L'importante è crederci ed esser sane.

    RispondiElimina
  3. Viva che qualcuno lo dice chiaro e tondo che non è essere Curvy con un'obesità patologica.
    Grazie grazie... :-)

    RispondiElimina
  4. amen sorellona!
    che due balle quelle finte portrici di curva che si fanno passare per tondeggianti...
    il tondo è una forma, per rivendicarla devi essere qualificata!

    RispondiElimina
  5. Finalmente qualcuna che dice le cose come stanno, grazie!

    RispondiElimina
  6. Tutto dipende da dove si ingrassa e come!

    RispondiElimina
  7. io sono curvy da sempre, ho avuto un periodo in cui ero un pochino dimagrita, ma non mi piacevo, sul serio. Tuttavia ora andrà anche di moda dire "curvy", ma la taglia 40 è ancora considerata la "migliore". Io non ci arriverò mai, ma AMEN :).
    Cmq Beyoncè non mi piace con quel vestito verde!

    RispondiElimina
  8. io odio quando dicono "tipo la bellucci"...grazie al cazzo amici...la bellucci è una miracolata, chè alla gente normale, o si riempie di silicone, o crolla tutto l'ambaradàn. per dire. che un conto è anche essere curvy a 25 anni, poi arrivi a 50 e sei la sora lella.

    RispondiElimina
  9. Io sono sempre stata curvy, ma essendo molto alta confesso che mi piacerebbe non esserlo.
    Le ragazze formose sono carine se di media statura, mentre quelle alte sono asciutte o sembrano dei monumeti.
    Pazienza.
    Stima per le fighedomani!

    Ragazza-monumento

    RispondiElimina
  10. Certo che ci vuole una faccia da culo non indifferente per definire "curvy" una taglia 44...Quella si chiama PERFEZIONE, che è diverso.

    RispondiElimina
  11. Mi è venuto in mente il tuo post perché ho appena letto Vanity Fair che descrive Beth Ditto come icona curvy. E questo quando l'obesità è un problema grave che continua ad aumentare, io mi chiedo, ma si rendono conto di quello che scrivono? Mah.

    RispondiElimina
  12. Diciamo che curvy è un termine politically correct usato inizialmente negli USA per indicare le ragazze grasse, perchè in America hanno un po' sta fissa di "edulcorare" i concetti per non risultare offensivi. Il malinteso nasce da qui, negli usa è sinonimo di grasso, da noi di fisico mediterraneo dolcemente morbido.

    RispondiElimina
  13. Il concetto sarebbe anche da ampliare: secondo me bisogna vedere anche il livello di grasso nel proprio corpo (ammetto che da ex obesa obesa obesa -III grado- sono un po' fissata).
    Ora non andando a scomodare le anoressiche (non in quanto ragazze magre, ma in quanto ragazze malate) che a dispetto del loro peso da fringuello hanno percentuali di grasso che non ci si aspetta, ci sono 44 e 44. Una 44 che ha la fortuna di esserlo per qualche tombola genetica, ma non si preoccupa troppo di cosa mangia e di fare movimento, risulterà, anche agli occhi, meno sana di una 44 che fa una vita moderatamente "healthy".
    Chiaro che questa è una precisazione: per il resto sono d'accordo sulla differenza tra fat e curvy. A me una donna curvy piace, eccome se piace. Una fat non sarà mai più il mio modello, ecco.
    Poi facesse quello che vuole del suo corpo.

    RispondiElimina
  14. Ho appena scoperto il tuo blog e sto divorando i post.
    Io sono ex FAT, in più io ero una di quelle fat "alte" qualche manciata di centimetri, il che non aiuta affatto a creare quella sorta di indecisione tra fat e curvy.
    Il tuo discorso, comunque, non fa un piega.

    RispondiElimina
  15. Si, ma il problema di fondo è che si assegna sempre a parole come grasso o magro dei significati che di per se' non hanno, come brutto o bello, salutare o insalubre. Solo un medico può parlare in merito alla salute di una persona, magra o grassa che sia, non certo una persona che non ha competenze guardando una foto :) Lo stesso vale per i termini usati... se io ho l'abitudine di equiparare grasso a brutto è un MIO PROBLEMA, un gusto personale discutibile, ma comunque grasso significa solo grasso, non brutto o pigro o non attraente. Lo stesso dicasi di magro, non significa anoressico, o iper attivo, o bello.

    RispondiElimina
  16. Io sono una 42 con quinta di reggiseno, in passato sono arrivata anche alla 48 ma ora sono una 42 appunto. Eppure i ragazzi mi rifiutano dicendomi che sono obesa. Gli stessi ragazzi che poi si fidanzanocon ragazze tipo Tess Hollyday e hanno il coraggio di dirmu che io sono più grassa!
    Una taglia 42 ha chance di trovare un uomo con cui costruire una relazione importante? Ho idea che le vie di mezzo (42, 44 o 46) non piacciano più a nessuno, piacciono o le 36 o le 50.

    RispondiElimina